Iscriversi in palestra: quest’anno è quello giusto. Vi siete proposti di passare dalle mangiate natalizie a una vita sana e salutare, tra dieta ed esercizio fisico. E imparare inglese. Ma passare dalla vita sedentaria all’esercizio può portare ad una serie di lesioni che non impediscano di raggiungere l’obiettivo. Per questo, abbiamo consultato due esperti, per iniziare una nuova routine in palestra e mantenere i buoni propositi.

Come ricominciare progressivamente

Per tornare (o incominciare ad andare) in palestra, il miglior consiglio è cominciare in maniera moderata, nonché il modo di garantire una certa continuità. Nel caso dell’esercizio cardiovascolare, si raccomanda di incrementare l’intensità gradualmente. Per l’esercizio muscolare, invece, è meglio optare per una routine di adattamento, con minor peso e facendo lavorare tutti i muscoli.

Palestra e costanza

Raccomandazioni per non rendere difficile il ritorno in palestra

Consigli per tornare in palestra

Per riuscire nell’intento di includere la palestra tra le nostre abitudini, dobbiamo essere coscienti che il nostro corpo è stato “pigro” per troppo tempo. Il dottor Fernando Martín, professore di EPTE® – Inertial Functional Training, avvisa che “l’esercizio non è per il breve termine“, ma che i benefici possono essere percepiti solo sul lungo termine e questo si deve convertire in un obiettivo. Allenarsi con una certa frequenza, più giorni a settimana, è fondamentale per cominciare.

Martín raccomanda, inoltre, che ognuno si prefigga delle piccole mete raggiungibili, per poi porne di nuove. È consigliabile iniziare sia con l’esercizio di forza che con l’esercizio cardiovascolare. L’esercizio di forza, che spesso viene sottovalutato, è infatti importantissimo per i benefici che ha sul metabolismo.

Se al rientro in palestra si lavora con un’intensità troppo elevata, si rischia non solo di non raggiungere i nostri obiettivi, ma anche di provocare una lesione. Proprio di questo pericolo ci mette in allerta il fisioterapista e coordinatore del gruppo docenti di EPTE®, Javier Herraiz: “Quando una persona che abitualmente non realizza esercizio fisico, decide di iniziare a prendersi cura del suo corpo, la cosa più importante per evitare future lesioni è scegliere il tipo di attività che più si adegui alle caratteristiche individuali. È importante che inizi a realizzare detta attività con una buona pianificazione dei carichi e realizzare una corretta progressione nello sviluppo della stessa“.

Per questo motivo si raccomanda di rivolgersi a professionisti qualificati “riguardo l’attività che più si aggiusta alle necessità e al piano evolutivo della stessa. In questo modo, eviteremo le possibili lesioni associate alla pratica incorretta dell’esercizio“.

Cosa non fare quando rientriamo in palestra

Possiamo imbatterci in alcuni errori comuni che si è soliti commettere quando ci si iscrive in palestra e si sceglie uno stile di vita sano dopo una lunga tappa di vita sedentaria; per questo motivo si raccomanda:

  • Evitare il sovrallenamento per non rischiare di provocare lesioni.
  • Gli esperti consigliano di alternare diverse routine ed intensità di allenamento, non solo per non annoiarsi ma anche affinché il corpo non si abitui e l’allenamento risulti efficace.
  • Far lavorare tutti i muscoli, la propriocezione, la forza e la flessibilità per ottenere un ordine sano ed equilibrato.

Per costruirsi una propria abitudine sono necessarie tra le 10 e le 12 settimane.

 

Ti è piaciuto questo articolo? Potrebbe interessarti anche:

Running: 5 errori che commettiamo praticando questo sport

Il vizio di andare in bicicletta