Marco Di Gesù, medico fisiatra, specialista in patologie muscolo-scheletriche ed in trattamenti ecoguidati ci racconta in un’intervista la sua opinione e la sua esperienza con la tecnica EPTE® Elettrolisi Percutanea Terapeutica.

Il professionista ha partecipato al corso ufficiale EPTE® Elettrolisi Percutanea di Roma del 25 e 26 Febbraio 2017 e l’ha così definito:

“Si tratta di un corso davvero interessante perché si è partiti da una disamina della patologia tendinea molto approfondita ed anche aggiornata con dei buoni riferimenti di letteratura.
E soprattutto perché è molto pratico e quindi ti consente di apprendere una tecnica, di vederla fare e di farla immediatamente.”.

 

Dott. Marco Di Gesù, intervista sul trattamento con EPTE® Elettrolisi Percutanea Terapeutica

Il Dottor Di Gesù si è laureato in Medicina nel 2005 a Palermo e specializzato in Fisiatria nel 2009 a Messina. Da allora lavora presso il Centro Medico Mantia e si occupa dell’Ambulatorio di Fisiatria Interventistica, all’interno del quale vengono eseguiti numerosi trattamenti effettuati sotto monitoraggio ecografico già da diversi anni.
Ci ha raccontato la sua esperienza riguardo alla tecnica e ai benefici dell’elettrolisi percutanea terapeutica.

Come ha scoperto l’elettrolisi percutanea terapeutica?

Seguo da tempo con interesse la realtà riabilitativa spagnola. In particolare guardo la “Rehabilitación Intervencionista” come una realtà che tarda a prender piede in Italia. Curiosando sul web e confrontandomi con un caro amico che ha seguito un corso di Dry Needling sono venuto a sapere dei corsi Epte in Italia.”.

Come ci racconta il Dr. Marco Di Gesù, in seguito alla scoperta della marca EPTE®, il Centro Medico Mantia di Palermo per cui lavora ha deciso di acquistare il dispositivo EPTE® System. Il Dottor Marco Di Gesù ed una collega hanno poi frequentato il nostro corso ufficiale, permettendo così al centro di diventare un centro omologato EPTE®.

Quali consideri essere i principali benefici dell’elettrolisi percutanea?

Sul piano teorico rappresenta un trattamento davvero mini-invasivo, unico nel suo genere, in grado di stimolare in senso rigenerativo il tessuto tendineo. Rispetto ad altre tecniche a nostra disposizione (ad esempio il trattamento infiltrativo con PRP) ha notevoli vantaggi in termini di costi e ridotta invasività.”.

dottor marco di gesù opinioni trattamento con epteLa tecnica EPTE® Elettrolisi Percutanea Terapeutica è praticamente indolore e permette di ottenere risultati molto positivi nel recupero di tendinopatie considerate croniche. Dopo una valutazione della condizione del tendine, è necessario adeguare il trattamento con distinte sessioni di elettrolisi percutanea nei tempi previsti dal protocollo ed unirle ad esercizio terapeutico per garantire un recupero ottimale del tendine.

Il Dottor Marco Di Gesù, ci informa inoltre, che presso il Centro Medico Mantia, stanno raccogliendo i dati dei primi 50 pazienti trattati e che l’andamento dei risultati è sinora soddisfacente.

Com’è la sua percezione riguardo la reazione dei suoi pazienti al trattamento?

“È ancora difficile per i pazienti comprendere un trattamento del genere essendo spesso abituati a concepire l’ago come infiltrazione. Occorre impiegare a mio avviso del tempo a spiegare al paziente come agisce la tecnica e come, quindi, deve comportarsi il paziente affinché l’uso della tecnica risulti efficace.”.

IONCLINICS dispone di un eccellente team di Ricerca e Docenza. Ciò ha fatto sì che la tecnica EPTE® si sia evoluta ed aumenti il ventaglio di possibilità del trattamento.
Nel corso ufficiale EPTE®  è possibile ricevere una formazione completa sul trattamento con elettrolisi percutanea terapeutica sui seguenti tendini:

  • Tendine d’Achille
  • Tendine sovraspinato
  • Tendine dell’epicondilo
  • Tendine rotuleo
  • Fascia Plantare
  • Pubalgia

Per concludere, il Dr. Marco Di Gesù ci racconta di un caso reale trattato con EPTE® di uno dei suoi pazienti:

Uno dei primi casi trattati con EPTE è stato quello di un uomo 35enne, fisioterapista, con una tosta epicondilite in parte riconducibile a trama recente, in parte a overdose protratto per la professione svolta. Il quadro ecografico iniziale era rappresentato da una discreta flogosi peritendinea con incremento dimensionale dell’inserzione tendinea e area ipoecogena in sede pre-inserzionale compatibile con microlesione su base traumatica/degenerativa.
Ho iniziato con un trattamento al fine di ridurre la flogosi peritendinea, un’altra terapia fisica. Ho eseguito poi tre sedute di EPTE®, sotto costante monitoraggio ecografico abbinate a esercizi isometrici. Il risultato, clinico ed ecografico, è stato notevole, il paziente è tornato al lavoro. Il fatto che sinora non mi abbia richiamato depone bene!”.

Il team EPTE® ringrazia il Dottor Marco Di Gesù per la sua disponibilità e per aver condiviso la sua opinione ed esperienza. Vi invitiamo, inoltre, a visitare il suo sito www.fisiatriainterventistica.it. Se interessati, è possibile contattarlo via mail all’indirizzo marco@fisiatriainterventistica.it  o sulla Pagina Facebook @fisiatra.
Se ti è piaciuto questo articolo, scopri anche:

10 ragioni per scegliere l’elettrolisi percutanea terapeutica (EPTE®)