L’eccesso di sale può avere ripercussioni sulla nostra salute. Che si tratti di quello aggiunto agli alimenti in tavola o del sale occulto contenuto negli alimenti processati, arriviamo a consumare una quantità di due volte superiore a quanto dovremmo. Negli ultimi 5 anni, infatti, il suo contenuto degli alimenti processati è aumentato fino ad un 5%. Questa è la conclusione da alcuni studi effettuati che riportano una comparativa di alimenti del 2010 ed una del 2014.

consumo sale ogni giorno

Fonte: sanochisa.it

Qual è la quantità di sale raccomandata?

L’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda un massimo di 5 grammi al giorno, quantità suddivisa tra tutti i pasti e gli alimenti della giornata. Gran parte dell’eccessivo consumo di questo ingrediente è dovuto alle quantità in cui è presente negli alimenti processati. L’etichetta deve riportare la quantità di sale contenuta in ciascun alimento (vedi la tabella). Il sale (NaCl) viene indicato nella tabella come “Sodio – Na”, un grammo di “Sodio” equivale a 2,5 grammi di sale. Alcuni alimenti processati che lo contengono in quantità elevate sono: il pane, i sughi pronti, i biscotti, le patatine fritte, il tonno, i vari dolciumi, i wurstel e le carni elaborate.

Il sale è necessario per l’organismo: il sodio equilibra la quantità di acqua nel nostro corpo. Se, però, questo ingrediente si trova in quantità eccessive, ritiene acqua, comporta un volume crescente di sangue ed obbliga il cuore a fare uno sforzo maggiore. Questo causa un aumento della pressione arteriale ed il rischio di malattie cardiovascolari. Inoltre, può portare indirettamente all’obesità, cancro allo stomaco ed osteoporosi, tra gli altri danni.

Alimenti dove è presente in eccesso

Abbiamo parlato del suo eccesso nel pane, nei sughi… in generale in tutti gli alimenti processati è presente, perché potenzia il sapore ed è un buon conservante.

Ridurre l’eccesso di sale ed aumentare la salute

Iniziare a ridurne il consumo per avvicinarsi a quella che sarebbe la quantità giornaliera indicata è sicuramente consigliabile. Così facendo, si ridurrà anche il rischio di soffrire di cancro allo stomaco di un 14%, secondo quanto dice la World Cancer Research Fund (WCRF)

Una delle maggiori fonti di sale è il pane. Altri alimenti processati che contengono quantità elevate sono il bacon o i cereali. Un consumo elevato aumenta anche il pericolo di soffrire di ipertensione.

Nel 2015 venne lanciata una campagna contro l’eccesso che aveva la pretesa di ottenere che si riducesse il consumo di questo ingrediente di almeno un 30%. Una volta raggiunto l’obbiettivo, la meta successiva sarebbe stato ridurre di addirittura un 50% il consumo attuale.

 

 

Se questo articolo ti è sembrato interessante, ti consigliamo:

I pericoli di whatsapp per collo, dita e polsi