La tendinopatia rotulea o ginocchio del saltatore è una delle lesioni per la quale più di frequente ci si rivolge ad uno studio di fisioterapia. Senza dubbio, quella chiamata “ginocchio del saltatore” non è una lesione esclusiva degli sportivi che praticano atletica, volleyball o sport che prevedono salti. Si tratta di uno dei disturbi più comuni in un ampio spettro di popolazione. Di seguito, ti descriviamo i suoi sintomi e trattamenti.

Il tendine rotuleo è un tendine spesso e forte. Ha l’importante compito di dare stabilità al ginocchio, principalmente dopo un salto, sia nell’atterraggio che quando è necessario frenare il movimento di accelerazione orizzontale associato allo stesso. Il ginocchio del saltatore è una lesione solitamente associata al sovraccarico. Alcuni dei movimenti più lesivi per il ginocchio sono il salto e la ricezione, insieme ai cambi di direzione costanti.
Ecco alcuni degli sport con maggior incidenza di lesioni quali il ginocchio del saltatore:

  • Pallacanestro
  • Pallavolo
  • Calcio
  • Atletica
  • Running

La gravità della lesione del ginocchio del saltatore dipenderà dal grado evolutivo della stessa. Allenarsi con una lesione può peggiorarla, per questo è estremamente importante la prevenzione e l’individuazione precoce di questo tipo di problemi.

Perché si produce le lesione chiamata ginocchio del saltatore?

Blausen.com staff (2014). "Medical gallery of Blausen Medical 2014". WikiJournal of Medicine 1 (2). DOI:10.15347/wjm/2014.010. ISSN 2002-4436.

Blausen.com staff (2014).

Blausen.com staff (2014). “Medical gallery of Blausen Medical 2014“. WikiJournal of Medicine 1 (2). DOI:10.15347/wjm/2014.010. ISSN 2002-4436.

il ginocchio è un’articolazione che permette il giro, la flessione e conferisce stabilità alla gamba. Sono varie le parti del corpo che partecipano alla biomeccanica del ginocchio: femore, tibia, rotula, quadricipiti, ischiocrurali, ecc.
Nella parte anteriore del ginocchio troviamo il tendine rotuleo ed il tendine del quadricipite. Quest’ultimo è unito alla parte superiore della rotula ed al muscolo cuadricipite; l’insieme di questi elementi permette l’estensione del ginocchio. Il tendine rotuleo è unito alla parte inferiore della rotula e si unisce alla tibia.

Quando il tendine rotuleo risulta danneggiato da una lesione (ad esempio il ginocchio del saltatore) questo dolore si manifesta specialmente quando si realizza il gesto di estensione del ginocchio. Inoltre, a parte il dolore, la tendinopatia rotulea può manifestarsi a livello funzionale, con mancanza di stabilità, debolezza del ginocchio, ecc. rendendo difficile l’attività.

Sintomi del ginocchio del saltatore e profilo del paziente

  • Dolore del tendine rotuleo (zotto la zona della rotula, zona maggiormente affetta dalla lesione).
  • Il solo appoggiare il dito sulla parte affetta provoca dolore.
  • Rigidezza nella zona quando si realizzano gesti quali sedersi, salire le scale, saltare, inginocchiarsi, ecc.
  • Debolezza muscolare associata.
  • Altri sintomi che possono manifestarsi occasionalmente sono la mancanza di equilibrio, l’aumento di temperatura nella zona in questione o che la stessa zona si trovi gonfia.

Il profilo più comune del paziente che soffre del ginocchio del saltatore (tendinopatia rotulea) è quello di uno sportivo tra i 15 ed i 25 anni che pratica sport con pesi eccessivi; ad esempio, un atterraggio su di una sola gamba, che presuppone un carico massimo elevato all’origine del tendine rotuleo. Inoltre, il sovrappeso può provocare problemi, a causa del sovraccarico a cui si sottopone il tendine.

Diagnosi e trattamento del ginocchio del saltatore

Alcuni dati che potrebbero essere indizi di questa lesione, possono includere: l’ingrossamento del tendine, trattamento e prevenzione ginocchio del saltatorel’infiammazione dei tessuti intorno alla zona da cui proviene il dolore, ecc. Per il suo trattamento, sarebbe molto importante conoscere l’origine della lesione. La biomeccanica può trovarsi nell’origine del sovraccarico che ha fatto scaturire la lesione del ginocchio del saltatore. Se si presenta, dunque, il caso di una biomeccanica inadeguata, è necessario correggerla e normalizzarla affinché il trattamento della lesione sia efficace. Così come per il trattamento di altre lesioni tendinee, avrà un ruolo importante la regolazione del carico a seconda della fase evolutiva della lesione. Non bisogna dimenticare che una patologia tendinea è di solito associata con una perdita della funzione muscolare e del controllo motore. Si consiglia dunque al paziente che stia provando uno di questi sintomi, di visitare un professionista sanitario che possa indicargli il trattamento più indicato.

Il fisioterapista valuterà la lesione del ginocchio del saltatore analizzando, tra le altre variabili, il grado di dolore e di mobilità (movimenti come corsa, salto, inginocchiarsi…). Tra le diverse tecniche da applicare per il protocollo di trattamento è possibile trovare: la modulazione del carico, l’esercizio terapeutico, l’elettrolisi percutanea EPTE®,…

Una delle raccomandazioni principali per chi pratica sport è quella di scegliere un tipo di calzatura adatta allo sport che si realizza e alle caratteristiche individuali di ogni soggetto, una corretta idratazione e riposo, un riscaldamento di almeno qualche minuto e/o stretching attivo prima di effettuare l’esercizio, accompagnato da un allenamento di forza con il giusto carico come strategia di prevenzione. In generale, si raccomanda la visita ad un terapeuta che può valutare la lesione e prescrivere il programma di recupero adeguato.

 

Se ti è piaciuto questo articolo, ti consigliamo anche:

 

Gioco al paddle, rischio di lesionarmi?

Fascite plantare: le infradito non sono adatte all’estate